La Lardini non riesce a fermare Modena, che vince in tre set

Osimo (AN). Alla Lardini non riesce di a frenare la corsa della Liu Jo Nordmeccanica, per lo meno quella esterna. Al PalaBaldinelli la formazione modenese centra la terza vittoria in altrettante trasferte: lo fa in tre set contro un Filottrano che specie nel terzo set prova con le unghie ad allungare il confronto, arrendendosi al mani out di Barun-Susnjar (top scorer con 19 punti e il 53% in attacco). La Lardini – che ritrova Federica Feliziani dopo lo stop per influenza della scorsa settimana – inizia con buon piglio, traghettata sul 4-1 dai punti di Tomsia (3 con 1 muro). Montano inizia a scaldare il braccio e sulla parallela di Bosetti la Liu Jo Nordmeccanica impatta (6-6). Il doppio vantaggio modenese (8-10) costringe coach Beltrami al time out, ma il muro e i potenti attacchi di Montano lanciano Modena (10-14). La Liu Jo Nordmeccanica ha una risorsa importante al centro come Calloni (4 punti con 2 muri), Scuka e Tomsia provano a tenere il passo. Filottrano non riesce però ad avere continuità in attacco, Modena al contrario viaggia spedita sulle ali di Bosetti (5 punti nel set) e Montano (7 punti), prende il largo (15-22) e fissa lo 0-1 sul tabellone con la colombiana. La squadra di Gaspari impatta bene nel secondo parziale (1-4 e 2-6), la difesa di Feliziani su Montano è una scintilla che accende la Lardini. Hutinski alza la diga a muro, Mitchem e Mazzaro accorciano, il block di Tomsia porta Filottrano ad una sola lunghezza (8-9). L’arco modenese è ricco di frecce, quella di Barun-Susnjar è velenosa (9 punti nel set con il 66% di efficacia) e consente alla Liu Jo Nordmeccanica di riprendere un buon margine (9-14). La Lardini prova a restare dentro il set (mani out di Mitchem per il 15-19), Beltrami si affida a Melli e Gamba, ma è difficile frenare un Modena che gira al 50% in attacco e può contare sul 90% di ricezioni positive. Le ospiti chiudono senza affanni il secondo parziale, approfittando di un errore al servizio (il sesto nel set) di Filottrano. Barun-Susnjar e Montano continuano a martellare anche allo start del terzo parziale (2-5), la Lardini è più aggressiva e con Melli e Mitchem mantiene la scia (5-6). Difesa e muro garantiscono diverse rigiocate alla formazione filottranese e Bosio può mettere in moto Tomsia, Melli e Mitchem. L’aggancio arriva a quota 13, il PalaBaldinelli si scalda, Barun-Susnjar fa ripartire la Liu Jo Nordmeccanica, Tomsia la riprende (15-15). Al servizio sbagliano entrambe le squadre, ma non la neo entrata Vesovic il cui pallone va a spegnersi sul net e cade beffardo sul campo della Lardini (17-19). Bosetti attacca in parallela, Mazzaro alza il muro (20-22), ma Calloni non sbaglia un colpo (100% in attacco e premio di mvp). Modena si avvicina al traguardo grazie a tre palle-match (21-24): Mitchem annulla la prima, il muro di Tomsia cancella la seconda, ma dopo il time out di Gaspari è Barun-Susnjar a togliere le castagne dal fuoco con il mani out del 3-0 finale.

 

LARDINI FILOTTRANO – LIU JO NORDMECCANICA MODENA 0-3

LARDINI FILOTTRANO: Bosio 1, Tomsia 15, Mazzaro 4, Hutinski 3, Mitchem 8, Scuka 4, Feliziani (L); Melli 3, Gamba, Negrini. N.e.: Agrifoglio. All. Beltrami – Amiens.

LIU JO NORDMECCANICA MODENA: Ferretti 2, Barun-Susnjar 19, Calloni 11, Heyrman 5, Montano 10, Bosetti 9, Leonardi (L); Bisconti, Vesovic 1, Pincerato. N.e.: Garzaro, Pistolesi, Tomic. All. Gaspari – Schiavo.

ARBITRI: Curto e Sessolo.

PARZIALI: 18-25 (24’), 17-25 (24’), 23-25 (26’).

NOTE: spettatori 1.400 circa. Prima della partita Federica Feliziani ha deposto in tribuna un mazzo di fiori a ricordo del tifoso Massimo Borini, scomparso in settimana. Lardini: battute sbagliate 12, battute vincenti 0, muri 7, ricezione positiva 65% (41% perfetta), attacco 33%. Modena: b.s. 10, b.v. 1, mu. 9, ric. pos. 79% (41%), att. 50%.

Attachment